Skip to Content

Packagingspace
Approfondimenti

Distillati, un settore in trasformazione


Presentiamo di seguito lo scenario economico di uno dei settori più rappresentativi del Made in Italy, che guarda sempre più all’estero, pur mantenendo il legame col territorio


distillati_1

Un mondo in evoluzione, dove l’export va assumendo il ruolo di ‘nuova frontiera’ per i distillatori italiani.
La crescente importanza delle esportazioni si contrappone al calo di produzione e di consumi registrati sui mercati (-10% nel 2011). La riduzione dei volumi prodotti nel 2011 si deve alla vendemmia dello scorso anno, tra le più scarse degli ultimi decenni, con la conseguente diminuzione del vino e dei sottoprodotti da distillare. Il mondo è cambiato, soprattutto negli ultimi anni e oggi l’industria dei distillati deve confrontarsi con un sistema globale aggressivo, che non perdona chi stenta ad adeguarsi.
In particolare, il comparto degli alcoli e acquaviti di origine vinica ha registrato una forte riduzione, mentre aumenta, come in tutta Europa, l’alcol da cereali. Per l’Italia, non è una novità, da alcuni anni la prima voce di produzione deriva dal cereale, seguita dagli alcoli di origine vitivinicola. Nel complesso, nel 2011 in Italia sono stati prodotti 833.00 ettanidri di alcol, -16% sul 2010 e 192.800 ettanidri di acquaviti, il 16% in meno rispetto
all’anno precedente.
L’acquavite di vino, segmento nel quale l’Italia è leader europeo insieme alla Spagna, si conferma quindi la prima voce in termini di export e volume, anche se in calo di circa il 30% rispetto al 2010. In controtendenza, invece, le acquaviti di frutta (+67%). Anche la grappa mostra i segni del cambiamento: nonostante la riduzione dei volumi (-11%) rispetto all’anno precedente e la sua forte relazione con il territorio d’origine, il distillato simbolo del Made in Italy è ormai entrato nel “salotto buono” dell’agroalimentare e della ristorazione, consolidando la sua fama di prodotto raffinato per consumatori colti ed esigenti. I dati dell’export fanno registrare una performance eccellente: nel 2011 le esportazioni di grappa in bottiglia sono aumentate del 18%, mentre il prodotto sfuso è cresciuto del 37% rispetto allo scorso anno. Tra i mercati più interessanti, si segnalano Stati Uniti, Brasile,
Cina e, in minor misura, la Russia.
Dal punto di vista strutturale, sul piano della produzione il 10% delle aziende, quelle comprese nella fascia produttiva più alta, detiene il 64% della quota di produzione. E sono le prime dieci aziende per volumi di vendita a vantare oltre il 60% delle quote di mercato. La grande maggioranza delle imprese, sono micro e piccole realtà che, al di là dei ridotti di produzione al di sotto dei 1.000 ettanidri, rappresentano la storia e l’emblema di questo settore.
Fonte: Assodistil